TORNA A RECENSIONI CD                                                                  BACK TO CD REVIEWS

___________________________________________________________________________________________________

 

  LUNA KAFE' - Mo I Rana - Norvegia (www.lunakafe.com

On-line (Inglese) (http://www.lunakafe.com/moon89/it89.php) On-line (English)

(flag Traduzione italiano)

                   Torna a originale                                                                                           Back to original

 
Luna Kafé e-zine  Luna Kafè record review
coverpic flag Italy - Full Moon 89 - 01/07/04

Massimo Aiello
Tribute to Beethoven: Drum in the Symphony no. 9
Azzurra Musik

Un batterista italiano fa un esperimento con una sinfonia vecchia di 180 anni e il risultato è migliore di quanto voi potreste pensare. Come batterista, spesso io mi ritrovo a battere il tempo quando sto ascoltando della musica priva di batteria e percussioni. Non perché ci sia qualcosa di sbagliato nella musica priva di batteria, ma solo perché io amo fare esperimenti e immaginare come potrei suonare con una batteria. Il batterista italiano Massimo Aiello ha sviluppato un po’ di più questa idea registrando se stesso mentre suona la batteria durante la famosa Nona sinfonia di Beethoven. La conoscete, quella con la meravigliosa melodia - “Ode alla Gioia” - quella che il cattivo individuo canticchia in “Duro a morire”. Senza ricordare gli innumerevoli altri film nei quali è stata usata.

Ora, immagino che alcuni puristi abbiano grandi problemi con uno che registra la batteria sopra un pezzo classico in questo modo, così lasciatemi dire solo questo: se voi amate la musica classica e pensate che essa debba essere suonata solo come il compositore l’ha scritta, allora state lontani da questa registrazione. Se, invece, voi amate la musica classica e non vi dispiace se si fanno esperimenti con essa, potrebbe valere la pena di fare una verifica.

Aiello ha suonato una registrazione della Nona sinfonia di Beethoven fatta dall’Orchestra della Radio slovacca (con il loro permesso, io spero) e ha registrato la sua batteria sopra di essa. Piuttosto che suonare semplicemente dei ritmi, egli usa la sua batteria e i suoi piatti come un’orchestra in se stessa, facendo un elogio - più che una sopraffazione – nei confronti della sinfonia. La batteria nel missaggio è più debole di quanto ci si potrebbe aspettare, perfino forse troppo debole talvolta. In alcune delle parti più forti, l’orchestra fa quasi sparire la batteria. Veramente non è un problema e io penso che questo dica a proposito del senso della dinamica di Massimo Aiello più che qualsiasi altra cosa.

Durante i 71 minuti del disco il suono della batteria è quasi tendente al jazz, questo ha un effetto veramente interessante sul suono complessivo. Inoltre c’è un lavoro gradevole dei piatti nelle parti calme e talvolta un stile altisonante dei tom-tom nei pezzi più forti. C’è un breve pezzo di batteria come introduzione al terzo movimento e un a-solo più lungo verso la fine del quarto movimento, che, di nuovo, non disturba il capolavoro di Beethoven, ma quasi fa un elogio nei suoi confronti. Come dice il titolo, è un Tributo. E funziona, grazie alla melodica batteria di Massimo Aiello.

 

Copyright © 2004 Kentil'zha (kentilzha@fuzzlogic.com)

 

© 2004 FuzzLogic