TORNA A RECENSIONI CD                                                                  BACK TO CD REVIEWS

___________________________________________________________________________________________________

 

DISCOVER - Bonn - Germany (www.discover.de)

    On-line (Tedesco) (http://www.discover.de/kritiken/sites/Massimo_Aiello2003-10-21.html) On-line (German)

( Traduzione italiano)

              

Go to english translation   

  Torna a originale                                                                                Back to original

___________________________________________________________________________________________________________

  CD-Reviews Interviews Stories News Touren Bücher, Comics, CD-Roms und Videos Sound & Video Bandlinks, Labellinks, Surftips Die aktuellen MP3- und Videocharts  
Finden
discover - musik & mehr         
Aktuelle Verlosung
Subway To Sally-Sprühschablone
Prezident Brown-LPs
Dream Dance-CDs
Punk-Rock-Pakete

 
CD-Review Massimo Aiello Tribute To Beethoven – Drum In The Symphony No. 9   CD-Review ::: Massimo Aiello - Tribute To Beethoven – Drum In The Symphony No. 9

Review Massimo Aiello - Tribute To Beethoven – Drum In The Symphony No. 9  
Review

Massimo Aiello
Tribute To Beethoven – Drum In The Symphony No. 9
Azzurra Music
Classica con batteria
 
> CD bestellen
Bandpage

Gioia, bello splendore degli dei! Ho sentito bene? C’è qualcuno che suona la batteria sulla Nona sinfonia di Beethoven? Si alza, per così dire, con il pugno da Titano e si contrappone ad un monumento della cultura occidentale, per degradarlo a livello di un’attrazione da sagra? Niente affatto! Questa esibizione di Massimo Aiello, che si esibisce dal 1987 sulle piazze, in teatri, chiese, scuole e a festival, è nello stesso tempo originale e piena di valore dal punto di vista artistico. Aiello non si pone in contrapposizione all’opera, ma si esibisce nella struttura orchestrale, come se fosse stato composto assieme fin dall’inizio. In tutte le opere orchestrali è normale stendere un sintesi per pianoforte, per poter avere velocemente una visione d’insieme dell’essenza armonica di una partitura. L’opera di Aiello vale come una sintesi per batteria di questa sinfonia. Lo sviluppo drammatico viene reso riconoscibile come in un profilo altimetrico nelle carte topografiche. Aiello non suona mai in primo piano, ma tratta la Nona di Beethoven con rispetto. Soprattutto è sorprendente come egli, appunto, conosca ogni millimetro della partitura. A tratti egli fornisce all’opera un nuovo punto di vista, come per esempio nella quarta parte, l’Ode alla Gioia, quella che è conosciuta come “Gioia, bello splendore degli dei”, munisce l’inno di ritmi da jazz, già quasi Break-Beat, che sono sorprendentemente adatti. L’ultima sinfonia di Beethoven era fin dall’inizio un’opera che scavalcava i confini del suo genere. Una parola di moda era allora quella della musica assoluta e con questo termine si indicava solo una pura musica strumentale. La sinfonia vale come forma più alta di questo ideale. Il rivoluzionario Beethoven inserì cantanti in una sinfonia. La critica musicale dell’epoca si agitava, se questo allora fosse conveniente Aiello coglie questo filo non ortodosso, illustra la sinfonia come aperto capolavoro e la estende con un suo contributo. Il risultato è tutt’altro che      kitsch. Degno di essere scoperto!


Peter Backof

CD-Review Massimo Aiello Tribute To Beethoven – Drum In The Symphony No. 9   Opinioni su Massimo Aiello > da inserire
 

CD-Reviews

News


Tourtips

zurück | nach oben

Artikel senden | Artikel drucken
  Homepage    CDs    Interviews    Stories    News    Touren    Gedrucktes    Sound & Video    Links    Charts   
Impressum    Mediadaten    Sitemap   

Copyright © discover, Köln 1995-2003